vittorio zizza

Le nostre proposte

Noi con l'Italia

1) Meno Tasse;
2) Meno stato invadente, più stato efficiente, più società;
3) Meno vincoli dall’Europa;
4) Più aiuto a chi ha bisogno;
5) Più sicurezza per tutti;
6) Più garanzie per ciascuno;
7) Più sostegno alla famiglia;
8) Più qualità nella scuola, nella università e nella sanità pubblica;
9) Più autonomia territoriale, meno governo centrale;
10) Più tecnologia, cultura e turismo. Tutela dell’ambiente. Efficientamento energetico.

Io per il mio Territorio

Ambiente

• Modello Bagnoli e Taranto anche per Brindisi. Approvazione, finanziamento e attuazione di un Programma straordinario di risanamento ambientale e di rigenerazione urbana che deve prevedere:
• Interventi necessari alla bonifica, riqualificazione e rigenerazione urbana dell'area del SIN di Brindisi;
• Misure per attrarre nuovi investimenti strategici sostenibili da un punto di visto ambientale.

Turismo

• Creazione di un Distretto Turistico d’avanguardia, integrato con porto ed aeroporto di Brindisi (sistema turistico integrato);
• Valorizzazione dei nostri splendidi beni culturali e paesaggistici: dal Parco delle Dune Costiere a Torre Canne, da Torre S. Leonardo alla Riserva di Torre Guaceto, dai centri storici di tutti i nostri comuni alle campagne, dalle masserie fortificate ai nostri superbi castelli;
• Definire un contesto giuridico amministrativo e autorizzativo più snello ed efficiente per gli operatori del settore.

Agricoltura

• Tutela del “Made in Italy” e dei nostri prodotti di eccellenza;
• Semplificazione di regolamenti delle DOP, DOC e IGT;
• Attuazione di un piano di rilancio dell’agricoltura per il superamento dell’emergenza Xylella.

Difesa, forze dell'ordine ed arsenale

• Introduzione del principio che la difesa e’ sempre legittima;
• Adeguamento ai parametri medi occidentali degli stanziamenti per la Difesa;
• Aumento o istituzione dei carabinieri e poliziotti di quartiere;
• Estensione del servizio “strade sicure” con l’impiego delle Forze Armate per la sicurezza dei nostri paesi e citta’;
• Stipendi dignitosi, dotazioni adeguate di personale, mezzi e tecnologie per contrastare il crimine ed il terrorismo a tutte le Forze dell’Ordine ed alle Forze Armate;
• Utilizzo attivo dei terreni e beni confiscati alle mafie;
• Rilancio e rafforzamento dell’Arsenale Militare mediante il finanziamento di un importante piano di rilancio.

Salute

• Esiste una legge regionale sulla valutazione del danno sanitario dovuto all’inquinamento: voglio tutelare l’area brindisina cercando di far leva anche sulla Regione, affinche’ possa prendere finalmente una decisione operativa a tutela dei suoi concittadini;
• Dal rapporto Registro Tumori Puglia 2015, per la provincia di Brindisi riguardante 4 anni di incidenza 2006/2009, risultano dati che definire allarmanti e’ diminutivo. Dati tali indicatori voglio definiree sponsorizzare uno studio epidemiologico sullo stato di salute della popolazione, propedeutico ad organizzare un sistema sanitario rispondente ai reali fabbisogni dei cittadini;
• Invertire la tendenza che porta lanostra provincia ad attestarsi all’ultimo posto della Puglia per numero di posti letto disponibili, con un rapporto percentuale del 2,7 per mille abitanti contro una media regionale del 3,4 e nazionale del 3,7;
• Stipula di un piano sulle strutture sanitarie locali che ridia occupazione a chi e’ stato estromesso dal lavoro negli anni precedenti, ricostituendo un’offerta sanitaria adeguata;
• Attivazione di politiche sanitarie di prevenzione adeguate sia verso i giovani che verso il mondo del lavoro.

Settore edile

• Riforma del codice degli appalti per sbloccare i lavori ed i cantieri;
• Apertura di cantieri per far ripartire il comparto con la strategia della “sostituzione edilizia”;
• Analisi di tutte le opere pubbliche già finanziate, per riattivarle e concluderle;
• Piano di edilizia scolastica, con snellimento iter burocratico fra i vari enti.

Scuola, Università e Ricerca

• Far tornare a casa loro tutti gli insegnanti che a causa della “Buona Scuola” sono stati mandati in tutta Italia;
• Rafforzamento e rilancio della Cittadella della Ricerca con la creazione di cinque poli di eccellenza e innovazione: Ambientale; Agroalimentare; Aerospaziale; Chimico; Industria 4.0;
• Rafforzamento strutturale e laboratoriale dell’ITS Aerospazio e Nautico.

Accessibilità: trasporti, mobilità, reti idriche e banda larga

• Potenziamento del Porto di Brindisi e dell’intera area portuale;
• Rafforzare la centralità dell’aeroporto del Salento mediante il potenziamento dei sistemi di accessibilità dell’aeroporto di Brindisi a partire dalla creazione di nuovi parcheggi e di un collegamento con i più grandi centri della Provincia;
• Definire, programmare, finanziare ed attuare un grande piano per la mobilità dell’Area di Brindisi a partire dalle strade statali, provinciali e comunali;
• Ripensare e realizzare collegamenti efficienti con l’intera area ionico-salentina, attraverso una rete infrastrutturale adeguata, anche in ottica turistica e non solo industriale;
• Puntare ad una strategia per la mobilità sostenibile (auto elettriche, etc etc...) incentivando questo settore in espansione anche per opportunita’ lavorative ed imprenditoriali;
• Monitoraggio di tutti gli impianti di depurazione e sviluppo di un importante piano di recupero delle acque reflue, permettendo ad esempio agli agricoltori di usufruire dell’acqua bonificata attraverso sistemi di canalizzazione adeguati ed usando parte del materiale bonificato come fertilizzante;
• Dotare tutta l’area di Brindisi di una rete a Banda larga ed ultra larga.

Autonomia territoriale e governo centrale

• Rafforzamento delle autonomie locali attraverso il federalismo responsabile (titolo V della Costituzione);
• Ridare una struttura di supporto alle provincie, che grazie alla riforma Delrio e’ venuta meno, dando cosi’ servizi efficienti ai cittadini.

Welfare e giovani

• Ristabilire una rete integrata territoriale dei servizi socio-sanitari per i cittadini più deboli, anziani ed indigenti;
• Incentivi alle attivita’ sociali finendo i progetti messi in cantiere e mai conclusi;
• Verifica costante sulla qualità delle strutture e dei servizi erogati, specie quelli domiciliari, soprattutto in termini di congruità della spesa;
• Estensione delle prestazioni sanitarie;
• Aumento delle pensioni minime e dare la pensione alle mamme;
• Raddoppiare l’assegno minimo alle pensioni di invalidita’ e sostegno alla disabilita’;
• Superamento della Legge Fornero, creando una riforma previdenziale economicamente e socialmente equa;
• Asili nido gratuiti e consistenti assegni familiari piu’ che proporzionali al numero dei figli;
• Tutela del lavoro delle giovani madri;
• Difesa delle pari opportunita’ e tutela delle donne, con riconoscimento pensionistico a favore delle madri.

Politiche industriali ed Industria 4.0

• Puntare all’innovazione tecnologica per la trasformazione ed ottimizzazione dei processi produttivi, anche attraverso le nuove strategie di Industria 4.0 ed Internet delle cose (IoT);
• Creare un modello di sviluppo integrato sostenibile, che deve poggiare su un’economia circolare che parta dalla riduzione della produzione di rifiuti e si fondi sulla raccolta differenziata e su impianti di riciclo e riuso delle materie prime, in tutti i settori industriali;
• Promozione di investimenti industriali in provincia di Brindisi per lo sviluppo di nuovi prodotti e materiali ecosostenibili ed innovativi, con il riuso dei terreni dismessi, utilizzando le migliori tecnologie disponibili.